Come si possono implementare i principi della circolarità nell'acquisto e nell'uso dei computer portatili? Come si possono ridurre le emissioni di gas serra e risparmiare allo stesso tempo? Abbiamo ascoltato gli esperti del settore e analizzato i dati. Qui troverete consigli pratici e scientifici su considerazioni chiave come il prolungamento della vita del prodotto, l'efficienza energetica e il motivo per cui dovreste pensarci due volte prima di riciclare.

Ogni anno vengono prodotti e venduti circa 275 milioni di computer portatili in tutto il mondo. Anche se la loro produzione richiede una grande quantità di energia e di risorse naturali limitate, la loro vita utile è spesso breve. Il contratto IT tipico si basa su un ciclo di utilizzo di tre o quattro anni. Dopodiché, molte organizzazioni hanno difficoltà a smaltire i prodotti, molti dei quali finiscono tra i rifiuti elettronici anche se sono perfettamente funzionanti. Questo modo di gestire i prodotti informatici è contrario ai principi dell'economia circolare, secondo i quali i prodotti dovrebbero essere mantenuti in uso il più a lungo possibile, per risparmiare risorse e conservare valore. La buona notizia è che la richiesta di implementare pratiche più sostenibili sta crescendo. Tuttavia, le scelte da fare durante il ciclo di vita di un notebook sono molte e non è sempre facile capire cosa sia meglio fare. Abbiamo analizzato la questione per chiarire quale sia il modo più responsabile di gestire i computer portatili. Come possono le organizzazioni ridurre l'impatto ambientale e contribuire a promuovere un ciclo di vita più circolare?